tecsaving

Come funziona un climatizzatore industriale: un’introduzione

L’universo della climatizzazione industriale, spesso, viene confuso o equiparato a quello del normale mondo degli split domestici che emettono aria calda o fredda a seconda delle esigenze. È indubbio che, sotto certi punti di vista, vi sia una somiglianza tra i due, ma sapere come funziona un climatizzatore industriale è il primo step da compiere per capire le differenze e il perché sia importante scegliere quelli creati ad hoc per grandi capannoni o industrie rispetto a quelli domestici.

Tecsaving, riferimento nel settore, è quindi pronto ad accompagnarvi in questo viaggio per capire qual è il funzionamento di questa tipologia di impianti di condizionamento industriale. Con particolare attenzione, ovviamente, sulla soluzione che viene proposta ai clienti.

Come funziona un climatizzatore industriale con unità esterna?

Capire come funziona un impianto di condizionamento industriale significa capire qual è il cuore pulsante della soluzione. Tecsaving propone dei sistemi di trattamento dell’aria basati su una pompa di calore aria-aria.

Questo cosa significa? Che tutto il processo di riscaldamento o raffreddamento dell’aria avviene tramite uno scambio di energia termica veicolato tra l’unità esterna e l’unità interna, il tutto sfruttando l’energia termica dell’aria esterna. Senza alcun tipo di combustione.

Il sistema di climatizzazione spiegato semplice

Entrando più nello specifico del funzionamento, un climatizzatore industriale ha diversi elementi cruciali che, espressi in modo semplice, sono:

  • L’unità esterna “cattura” l’energia termica dell’aria. Ciò accade perché un fluido refrigerante, a bassa pressione, attraversando la batteria si riscalda ed evapora;
  • Il fluido, gassoso, attraversa un Compressore che ne aumenta la pressione e la temperatura;
  • Il fluido viene inviato all’unità interna dove cede calore all’ambiente e passa dallo stato gassoso a quello liquido;
  • Il liquido viene fatto espandere, per diventare gassoso e a bassa temperatura in modo da riprendere il ciclo;
  • Tutti i vari dispositivi ed ogni singolo dettaglio sono ottimizzati per un funzionamento “pesante” come quello richiesto dagli ambienti industriali. Stiamo parlando di ottimizzazione di compressore, circuito frigorifero, batterie di scambio, carpenteria, ventilatori, inverters ed elettronica di controllo.

Ovviamente, laddove si vogliano raffrescare gli ambienti il processo si inverte. Il calore viene prelevato dall’interno dell’area di lavoro e rilasciato all’esterno.

Peculiarità importantissima del funzionamento della  tecnologia industriale Tecsaving è l’elettronica di controllo. Quest’ultima infatti, oltre a gestire tutto il processo di funzionamento del ciclo, deve anche essere in grado di consentire un facile monitoraggio dell’unità da remoto nonché di programmabilità. Altro aspetto importante è poi la struttura modulare. Si possono installare più unità, in diverse aree della struttura, connesse tra di loro in modo molto semplice. Risultato ovvio sarà quello di mantenere un comfort termico, senza stratificazione di temperatura e una distribuzione uniforme dell’aria.